Skip to main content

Tag: stem

Festeggiamo la Giornata Mondiale della Gentilezza!

Lo sai che oggi si festeggia la Giornata Mondiale della Gentilezza? In occasione di questa ricorrenza, Futurmakers vuole dare qualche consiglio su come essere gentili anche nel mondo online! 

Riflettiamo su quante cose facciamo durante una giornata per stare in forma, imparare, divertirci. Quanto tempo ci tolgono le nostre attività? Bisogna mangiare, andare a scuola, fare i compiti, seguire un’attività sportiva, stare con la famiglia e gli amici. Potremmo ancora avere del tempo libero che ci avanza e molte volte lo trascorriamo online.

Non c’è dubbio, infatti, che la tecnologia è parte integrante della vita sociale e che anche i bambini abbiano una certa predisposizione per l’utilizzo di dispositivi digitali.

Bambini e tecnologia 

Un’indagine realizzata dal Centro per la Salute del Bambino ha scoperto che il 38% dei bambini con meno di 2 anni ha già utilizzato un dispositivo mobile per giocare o guardare un video; il 63% dei bambini fino agli 8 anni utilizza i device dei genitori, mentre a 8 anni questa percentuale sale fino al 72%. I contenuti preferiti sono soprattutto i videogiochi. Secondo gli esperti, il problema non è tanto la quantità del tempo che i bambini trascorrono davanti allo schermo, quanto la qualità e la tipologia di contenuti.

Il tempo trascorso online

Ogni nostra attività che  svolgiamo online viene tracciata, ogni commento o like lasciato viene visto anche dagli altri e questa ‘traccia’ resta sui server delle app e dei giochi che utilizzi.

Tutto questo ci deve far riflettere su quanto sia importante avere una buona reputazione online e su quanto sia importante insegnare a lasciare un buon ritratto di chi siamo ogni volta che navighiamo su internet.

Il potere dell’essere gentili online

Internet è un posto bellissimo quando tutti lo usano “in modo gentile” e quando gli utenti si comportano con educazione ci sentiamo davvero bene. Ma quando questo non succede cosa possiamo fare?

Ecco alcuni nostri consigli:

–  se una persona ci provoca o ci da fastidio, possiamo ignorarla ed evitare di rispondere alle sue provocazioni, magari è solo una giornata storta;

– se si tratta di uno sconosciuto, possiamo direttamente segnalare o bloccare quella persona;

–  se il suo atteggiamento da veramente fastidio ti consigliamo di prendere una pausa dal dispositivo, giocare e uscire all’aperto per sentirsi meglio.

Alleniamoci alla gentilezza online

Come facciamo, dunque, a essere più gentili online? Semplice! L’unica regola è diffondere la gentilezza per dimostrare simpatia e aiutare gli altri a sentirsi meglio. A volte, può capitare che si fanno sbagli e che si fanno commenti poco carini online ma, come nel mondo reale, si fa sempre in tempo a chiedere scusa

Tutto quello che facciamo contribuisce a disegnare non solo  il ritratto di chi siamo, ma anche a dare forma al mondo virtuale più rispettoso degli altri.

Festeggiamo la Giornata mondiale della Gentilezza: il corso di FuturMakers

Per l’occasione FuturMakers ha realizzato il corso “Come muoversi nell’oceano digitale”, 4 appuntamenti dedicati alla sicurezza digitale e a come comportarsi responsabilmente sul web.

Iscriviti subito!

FuturMakers Edu Labs: il weekend di chiusura dei “Torino Digital Days 2022” sarà dedicato ai bambini

Sabato 28 e domenica 29 dalle 10 alle 18 presso Combo Torino laboratori gratuiti per bambini e bambine dai 7 ai 15 anni alla presenza dei loro genitori per imparare e sperimentare il coding e la robotica educativa e capire come avvengono le interazioni tra i sensori dei robot e il mondo esterno.

I Torino Digital Days si concluderanno con un weekend tutto dedicato ai bambini e alle bambine dai 7 ai 15 anni. Nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 maggio dalle ore 10 alle ore 18 presso Combo (in Corso Regina Margherita, 128) il programma propone un open day didattico per bambini, ragazzi e le loro famiglie per imparare e sperimentare il coding e la robotica educativa e capire come avvengono le interazioni tra i sensori dei robot e il mondo esterno. 

Le due giornate sono suddivise in slot di due ore, 10-12, 14-16, 16-18, a cui è possibile prenotarsi online, durante i quali saranno presentati due laboratori consecutivi: il primo servirà per conoscere come funzione Scratch e il secondo per sperimentare la robotica educativa. Nel primo laboratorio i giovanissimi programmatori impareranno cos’è la programmazione a blocchi, cos’è uno sprite e quali sono le categorie di comando che si possono utilizzare. Dopo aver appreso le basi del funzionamento della piattaforma di coding i bambini si divertiranno a realizzare il loro primo videogame con l’obiettivo di apprendere e divertirsi allo stesso tempo. Il secondo laboratorio avrà come protagonisti gli Mbot e gli Ozobot, due robot educativi e durante questo momento i bambini si cimenteranno nell’assemblaggio di un Mbot, robot su ruote programmabile attraverso il linguaggio Mblock. Gli Ozobot invece, sono piccoli robot dotati di sensori che si illuminano del colore che viene rilevato sulla carta. Per programmare questi robot, infatti, bastano dei pennarelli e della carta su cui disegnare e far seguire un percorso o far compiere delle azioni preimpostate. Sarà molto divertente scoprire che per programmare non sono indispensabili software sofisticati ma sono sufficienti carta e pennarelli colorati. 

I laboratori saranno seguiti dal team di FuturMakers, scuola di tecnologia che ha l’obiettivo di formare bambini e ragazzi dai 7 ai 15 anni nell’ambito delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) attraverso percorsi innovativi per avvicinarli al mondo del digitale in maniera attiva e costruttiva. 

L’ingresso è gratuito e le aule didattiche sono organizzate in modo da accogliere anche i genitori che potranno assistere ai laboratori coi loro bambini.


FuturMakers, scuola di tecnologia di Synesthesia, nasce con l’obiettivo di appassionare e indirizzare le nuove generazioni a un utilizzo consapevole della tecnologia e di favorire l’apprendimento di quelle che sono le competenze del mondo del futuro. Non c’è, però, solamente la tecnologia al centro dei nostri corsi: per FuturMakers è fondamentale stimolare bambini e ragazzi affinché acquisiscano capacità di problem solving, creative thinking e team working. Videogiochi, tecnologia e apprendimento: una combinazione vincente per educare e potenziare nei bambini e nei ragazzi la curiosità e la voglia d’imparare.

Vuoi saperne di più sulle nostre iniziative e sui nostri prossimi appuntamenti?

Contattaci. Il nostro team sarà felice di rispondere a tutte le tue richieste.

Dal 27 giugno torna il Summer Camp di FuturMakers

Scopri l’esperienza di FuturMakers

Ciò che da sempre contraddistingue il Summer Camp di FuturMakers è la perfetta combinazione delle lezioni di tecnologia con le sani abitudini e i momenti di divertimento in tutta sicurezza.

Durante gli incontri bambini/e e ragazzi/e avranno la possibilità di esplorare il mondo della tecnologia senza perdere di vista l’importanza dello sviluppo e l’acquisizione delle competenze trasversali. Non solo tecnologia, dunque. L’offerta prevede, infatti, momenti in outdoor, di socializzazione e di gioco organizzato, durante i quali si scoprirà come la tecnologia possa essere un valido supporto per la nostra vita quotidiana.

La sicurezza prima di tutto

Le attività di gruppo si svolgeranno sotto la guida dei nostri coach. Le location individuate per lo svolgimento delle attività sono attrezzate per garantire il rispetto di tutte misure di sicurezza previste dalle normative vigenti per la pandemia COVID-19.

Attività tech: robotica educativa, programmazione Scratch, gaming

Il programma di quest’anno prevede lezioni dedicate alla programmazione e assemblaggio dei robot educativi come gli Ozobot e gli MBot attraverso un approccio attivo e creativo.

I ragazzi e le ragazze potranno, inoltre, familiarizzare con i principi di base del coding attraverso un linguaggio di programmazione semplice e versatile grazie al quale impareranno a sviluppare videogame e storie interattive.

Quando e dove?

Il Summer camp si svolgerà in 3 settimane presso la sede di Futurmakers in corso Dante 118 a Torino dalle ore 9 alle ore 17:00 (℅ Synesthesia).

In particolare, le settimane interessate sono:

– 1°  settimana: dal 27 giugno al 1 luglio

– 2 ° settimana: 4-8 luglio

– 3 ° settimana: 11-15 luglio

Qual è il programma della giornata?

– 9:00 – 10:45 > attività tech

– 10:45 – 11:00 > merenda

– 11:30 – 13:00 > attività tech in outdoor

– 13:00 – 14:45 > pranzo e giochi organizzati

– 14:45 – 17:00 > gioco organizzato e attività tech

Il programma formativo è realizzato dal Prof. Marco Mazzaglia, docente del Politecnico di Torino, e dalla dott.ssa Giada De Rosa, pedagogista specializzata in formazione dei minori.

La location individuata per lo svolgimento del Summer Camp è attrezzata per garantire il rispetto di tutte le misure di sicurezza previste dalle normative vigenti anti-contagio.

 

[cmsmasters_button button_link=”https://www.eventbrite.it/o/futurmakers-17386179254″ button_target=”blank” button_text_align=”left” button_font_weight=”normal” button_font_style=”normal” button_border_style=”solid” button_bg_color=”#d0191c” button_text_color=”#ffffff” button_border_color=”#d0191c” animation_delay=”0″]Procedi con l’iscrizione[/cmsmasters_button]

 


FuturMakers, scuola di tecnologia di Synesthesia, nasce con l’obiettivo di appassionare e indirizzare le nuove generazioni a un utilizzo consapevole della tecnologia e di favorire l’apprendimento di quelle che sono le competenze del mondo del futuro. Non c’è, però, solamente la tecnologia al centro dei nostri corsi: per FuturMakers è fondamentale stimolare bambini e ragazzi affinché acquisiscano capacità di problem solving, creative thinking e team working. Videogiochi, tecnologia e apprendimento: una combinazione vincente per educare e potenziare nei bambini e nei ragazzi la curiosità e la voglia d’imparare.

Vuoi saperne di più sulle nostre iniziative e sui nostri prossimi appuntamenti?

Contattaci. Il nostro team sarà felice di rispondere a tutte le tue richieste.

 

 

 

FuturMakers Edu Labs ai Torino Digital Days 2022 con 2 desk interattivi e tante novità

Al via FuturMakers Edu Labs! Il 28 e 29 maggio FuturMakers partecipa ai Torino Digital Days 2022 con un programma ricco di sorprese. In agenda 2 giornate all’insegna della tecnologia e del divertimento presso Combo (Corso Regina Margherita, 128, 10152 Torino TO).

Attività tech

FuturMakers Edu Labs è l’Open Day tecnologico durante il quale i bambini e le bambine potranno divertirsi con robot intelligenti, coding e gaming. Durante le giornate del 28 e il 29 maggio, dalle 10.00 alle 18.00, momenti di divulgazione tecnologica si alterneranno alla presentazione dell’offerta formativa di FuturMakers. La partecipazione è gratuita, ma è obbligatorio prenotare il proprio slot di due ore (es. 10-12).

Saranno presenti desk interattivi, 2 veri e propri laboratori tecnologici all’interno dei quali i bambini e le bambine potranno:

– acquisire nozioni di robotica educativa assemblando e programmando Mbot e Ozobot;

– sperimentare linguaggi di programmazione a blocchi (come Scratch) attraverso i quali sarà possibile programmare un videogioco.

Imparare divertendosi!

Tutte le attività di FuturMakers hanno l’obiettivo di insegnare cose utili in maniera divertente e creativa. Non solo tecnologia, quindi. Le attività formative dei nostri laboratori sono pensate per stimolare le capacità di problem solving, creative thinking e team working.

Quando e dove?

QUANDO: 28 e 29 maggio 2022, 10:00 – 18:00 CEST. 

DOVE: Combo (Corso Regina Margherita, 128, 10152 Torino TO)

Come partecipare?

La partecipazione al FuturMakers Edu Labs è gratuita, ma con prenotazione obbligatoria. Procedi con l’iscrizione!

 

[cmsmasters_button button_link=”https://digitaldays.it/evento/futurmakers-open-day-sabato-28-maggio/” button_target=”blank” button_text_align=”left” button_font_weight=”normal” button_font_style=”normal” button_border_style=”solid” button_bg_color=”#d0191c” button_text_color=”#ffffff” button_border_color=”#d0191c” animation_delay=”0″]Iscrizioni per sabato, 28 maggio[/cmsmasters_button]

 

 

[cmsmasters_button button_link=”https://digitaldays.it/evento/futurmakers-open-day-domenica-29-maggio/” button_target=”blank” button_text_align=”left” button_font_weight=”normal” button_font_style=”normal” button_border_style=”solid” button_bg_color=”#d0191c” button_text_color=”#ffffff” button_border_color=”#d0191c” animation_delay=”0″]Iscrizioni per domenica, 29 maggio[/cmsmasters_button]

 


FuturMakers, scuola di tecnologia di Synesthesia, nasce con l’obiettivo di appassionare e indirizzare le nuove generazioni a un utilizzo consapevole della tecnologia e di favorire l’apprendimento di quelle che sono le competenze del mondo del futuro. Non c’è, però, solamente la tecnologia al centro dei nostri corsi: per FuturMakers è fondamentale stimolare bambini e ragazzi affinché acquisiscano capacità di problem solving, creative thinking e team working. Videogiochi, tecnologia e apprendimento: una combinazione vincente per educare e potenziare nei bambini e nei ragazzi la curiosità e la voglia d’imparare.

Vuoi saperne di più sulle nostre iniziative e sui nostri prossimi appuntamenti?

Contattaci. Il nostro team sarà felice di rispondere a tutte le tue richieste.

 

 

 

Gli effetti psicologici della Pandemia Covid-19 sui più giovani

La pandemia ha rotto ogni equilibrio e cambiato radicalmente la nostra quotidianità. Oltre ad aver causato una crisi economica globale, ha anche provocato una serie di effetti psicologici inattesi e imprevedibili sui singoli individui. La paura del contagio e la riduzione dei rapporti sociali hanno avuto una forte ripercussione sui soggetti psicologicamente più fragili: i giovani. È utile allora conoscere alcuni di questi nuovi “effetti” per provare ad arginarli, andando alla ricerca del rimedio più adatto. 

Adolescenti e conseguenze della pandemia

L’adolescenza è il periodo di transizione della vita di un individuo, dove si verificano cambiamenti psico-fisici e si assiste alla maturazione della personalità. Gli adolescenti e i bambini sono stati le prime “vittime” dei ripetuti lockdown perché hanno dovuto fare i conti con stati d’animo difficili da gestire: ansia, depressione, cali di concentrazione, attacchi di panico e insonnia.

Gli effetti della pandemia rischiano di influenzare il loro normale sviluppo. Per questo motivo è stata lanciata un’allerta per il sostegno psicologico dei più giovani, che per molto tempo sono stati dimenticati. Il senso di abbandono, inoltre, e l’isolamento hanno contribuito alla diffusione di alcune dipendenze comportamentali tra i ragazzi, come videogiochi e gioco d’azzardo.

L’importanza della presenza

La ormai ben nota didattica a distanza, o DAD, ha rappresentato negli ultimi anni una soluzione essenziale per consentire a tutti gli studenti di non perdere la propria formazione culturale e professionale. Dalle scuole primarie e secondarie fino all’università ogni istituto ha dovuto fare i conti con le nuove modalità virtuali e a distanza per erogare le lezioni.

Il digitale ha così preso il posto dell’ambiente fisico e presenziale, ma non senza ripercussioni sui risultati stessi dell’apprendimento.

Secondo uno studio condotto dal Prof. Giuseppe Riva, Direttore del Laboratorio Sperimentale di Ricerche Tecnologiche applicate alla Psicologia di Auxologico e Professore ordinario di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, sono emersi alcuni “deficit” formativi nei ragazzi costretti alla DAD.

Un esempio è l’attivazione dei neuroni specchio, cellule che si attivano sia quando compiamo una specifica azione sia quando assistiamo a un’attività compiuta da altri intorno a noi. È evidente allora l’utilità di questi neuroni in un ambiente come l’aula della scuola, dove gli studenti non solo vedono e assistono alla lezione del docente ma, allo stesso tempo, sono circondati da compagni che svolgono il loro stesso “lavoro”, ovvero seguire gli insegnamenti.

Ci sono poi un altro tipo di neuroni per i quali le lezioni in presenza sono essenziali: i neuroni gps. Inizialmente si pensava che questi neuroni servissero solo per orientarsi negli ambienti circostanti.

Alcuni studi, però, hanno evidenziato che queste cellule sono essenziali anche per la memoria autobiografica ovvero quella memoria che ci consente di collegare luoghi ed esperienze, consentendo al cervello di immagazzinare informazioni e conservarle per lungo tempo.

In pratica ascoltare una lezione in classe consente agli studenti di memorizzare più facilmente i concetti spiegati. Al contrario, una lezione seguita dal divano di casa rischia di essere immediatamente dimenticata e quindi essenzialmente inutile.

Le nuove sfide della didattica

Nonostante apparentemente la DAD abbia portato con sé più aspetti svantaggiosi che vantaggi per studenti e insegnanti, è essenziale non arrendersi e continuare ad andare alla ricerca di metodi e strumenti sempre più innovativi e costruttivi per la formazione delle future generazioni.

Da anni Synesthesia con FuturMakers si impegna concretamente a creare percorsi didattici innovativi per le famiglie e per le aziende con l’obiettivo di avvicinare bambini e ragazzi al mondo del digitale in modo coinvolgente e costruttivo. Per far fronte a queste nuove sfide FuturMakers ha lanciato nuovi corsi online e il Winter Camp  in presenza dedicato ai giovani innovatori di domani. Ti aspettiamo!

Le materie STEM nelle scuole italiane: a che punto siamo?

Quali sono i metodi più efficaci per insegnare le materie STEM? Come sono percepite nelle scuole italiane? A che punto siamo?

Oggi, con sempre maggiore frequenza, sentiamo parlare dell’acronimo STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics) legato all’apprendimento scolastico dei nostri figli. Questa parola è utilizzata per indicare quelle materie che appartengono all’ambito scientifico e tecnologico, indispensabili per lo sviluppo futuro della nostra società. All’interno di questo articolo ti parleremo non solo dei vantaggi delle nuove metodologie legate all’apprendimento delle STEM, ma proveremo a capire meglio lo scenario italiano e che cosa fare per migliorarlo.

L’insegnamento delle materie STEM in Italia: a che punto siamo? Lo scenario

Secondo l’annuale report Istat, nel 2020, il 24,9% dei laureati (25-34enni) ha una laurea in materie STEM. Secondo questa ricerca in Italia troviamo più donne laureate rispetto agli uomini, ma meno laureate nelle discipline scientifiche.

Nonostante in Italia i numeri siano piuttosto simili alla media europea (i paesi dell’Unione europea membri dell’OCSE, 25,4% nel 2018), c’è ancora tanto da fare: solamente un giovane su quattro in Europa ha conseguito un diploma di istruzione terziaria in discipline STEM, e le donne laureate in queste discipline sono la metà rispetto agli uomini. La scelta di iscriversi a percorsi scientifici e tecnologici, invece che ad altri programmi di istruzione terziaria spesso dipende dai risultati ottenuti nella scuola secondaria, ma – come ritiene l’ISTAT – entrano in gioco soprattutto le percezioni e gli atteggiamenti sociali

Pregiudizi da combattere attraverso metodologie di insegnamento sempre più interattive e divertenti

Nel corso della storia le STEM sono state appannaggio quasi esclusivamente degli uomini. Oggi la tecnologia costituisce una grandiosa opportunità di crescita e di scoperta per l’intera Umanità, senza alcuna distinzione di genere. Riconoscere il fondamentale contributo delle donne nella scienza e nella tecnologia rappresenta un obiettivo da perseguire a ogni costo, perché un mondo tecnologicamente più evoluto è possibile solo se abbiamo tutti gli stessi diritti. Diffondere i valori dell’inclusione attraverso la formazione e la formazione è possibile. FuturMakers continua a farlo appassionando le nuove generazioni a un utilizzo consapevole della  tecnologia e favorendo l’apprendimento di quelle che sono le competenze del mondo del futuro. 

Oggi i ragazzi e le ragazze che vogliono imparare queste discipline hanno bisogno di un metodo di studio sempre più interattivo (empirico) e contestualizzato nella vita reale di tutti i giorni. Come abbiamo già visto nei nostri precedenti articoli sui vantaggi del gaming nell’apprendimento, i videogiochi rappresentano un terreno di dialogo educativo molto efficace. Durante l’interazione video ludica i ragazzi, infatti, sono stimolati ad affrontare sfide e a risolvere rompicapi acquisendo utili competenze di problem solving

Lo stesso sembra valere per lo sviluppo e l’acquisizione di competenze per quanto riguarda il coding. Esistono, infatti, diverse piattaforme (Scratch, Minecraft, GameMaker, Sploder, ecc.) studiate per l’apprendimento dei più piccoli che consentono di trasmettere nozioni di coding attraverso l’interazione con semplici videogiochi (creando e personalizzando delle vere e proprie avventure di gioco). Attraverso quest’approccio anche i più giovani, dunque, saranno in grado di imparare a programmare dando sfogo alla loro creatività e fantasia

Alcune di queste piattaforme sono progettate per far interagire diversi giocatori facendoli lavorare insieme sullo stesso progetto. 

Il metodo FuturMakers: l’offerta didattica per le scuole

La didattica finalizzata all’acquisizione di competenze è il nostro focus principale. Per questo dedichiamo particolare attenzione alla ricerca e sviluppo di nuovi metodi didattici e di materiali innovativi, ludici e formativi al tempo stesso. Abbiamo ipotizzato alcuni laboratori e percorsi tecnologici per scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, in orario curricolare e extracurricolare modulabili a seconda della scuola e del docente, nell’ambito delle discipline STEM. 

Il coding è il filo conduttore di tutti i nostri laboratori: dalla robotica, all’elettronica fino alla programmazione unplugged.  “Imparare divertendosi” con il metodo FuturMakers non solo è possibile, ma è garantito. Vuoi saperne di più sulle nostre iniziative e sui nostri prossimi appuntamenti? ContattaciIl nostro team sarà felice di rispondere a tutte le tue richieste.


Continuate a seguirci. A breve saranno lanciati i nuovi corsi online e le iniziative in presenza!

  • 1
  • 2